339 60.89.786

Il sintomo principale, come del resto in tutte le artrosi, è il DOLORE, che, nelle fasi iniziali, è occasionale, compare soprattutto al mattino al risveglio e scompare subito dopo aver messo in moto l’articolazione, o compare dopo il movimento e scompare con il riposo. Col passare del tempo, dato che la malattia progredisce, anche il dolore aumenta, diventando addirittura permanente anche a riposo.

Oltre al dolore, la mobilità del ginocchio si riduce molto, il ginocchio si gonfia e diventa caldo, crea problemi anche a riposo e molto spesso la notte diventa un incubo perché il dolore forte e violento e impedisce il sonno.

La diagnosi di artrosi del ginocchio è semplice: basta ascoltare la storia clinica del paziente, visitarlo,   prescrivergli  delle radiografie in carico ( in piedi), dalle quali si può già evincere  come lo spazio articolare sia ridotto o, nelle fasi avanzate, annullato, con deformità dei profili delle ossa che presentano dei becchi artrosici (osteofiti).

Risulta utilissima anche la RM per mettere in evidenza lesioni cartilaginee, meniscali, e legamentose e la TAC per valutare la qualità dell’osso.